Giuseppe Sala è un mezzo bugiardo. Nella conferenza stampa in cui ha risposto alle accuse sull’architetto che ha lavorato nella sua villa di Zoagli e poco dopo a Expo, ha omesso il compenso che il professionista ha avuto da Fiera Milano Spa di 500mila euro (più Iva e cassa pensionistica). Secondo quanto scrivono il Corriere della Sera e il Giornale infatti, Michele De Lucchi non ha ricevuto solo 110mila euro da Expo per gli incarichi ad affidamento diretto per l’ideazione del padiglione Zero (a cui vanno aggiunti altri due incarichi per 59mila euro), ma anche mezzo milione di euro per gli allestimenti di Padiglione Zero ed Expo center, anche in questo caso senza alcuna gara pubblica. L’affidamento per gli allestimenti non è infatti passato per Expo, ma per una società di diritto privato (Fiera Milano Spa).

Video di Luigi Franco

 

L’aspirante candidato sindaco di Milano è finito al centro delle polemiche nei giorni scorsi perché l’archistar non ha lavorato solo per Expo, ma nel 2012-2013 si è occupato anche della sua casa di Zoagli con una parcella di 70mila euro più Iva per “una parte degli interni e qualche finitura esterna”. Sala spiegando nel dettaglio alla stampa le spese sostenute, non ha però riportato la voce più consistente. E anzi ironicamente ha commentato: “Se De Lucchi ha ricevuo 110mila euro per il Padiglione Zero e 70mila da me per una casa, ciò dimostra che sono un bravissimo negoziatore quando si tratta di soldi pubblici e non quando sono i miei”. Secondo il Corriere della Sera, De Lucchi ha ricevuto l’incarico diretto da Fiera Milano Spa per “un principio di continuità” con Expo e sulla base di una convenzione, autorizzata con decreto dal presidente del Consiglio, per cui Expo avrebbe potuto “avvalersi degli enti fieristici”.

In mattinata è arrivata la replica: “Non ho niente da nascondere sugli incarichi all’architetto De Lucchi”, ha scritto Sala in una nota, “ho parlato solo di quelli di Expo Spa, perché è questa la società che amministro. Per il resto Expo, d’accordo con tutti i soci, ha poi affidato a società pubbliche la responsabilità, con le relative risorse, di procedere su appalti e affidamenti per gestire alcuni lavoro e servizi e gli enti hanno agito in piena legittimità nell’interesse della manifestazione”. Per questo secondo Sala si tratterebbe semplicemente di un attacco politico: “È evidente che qui non ci sono non dico illeciti ma neppure ombre, ma c’è invece un evidentissimo attacco politico concentrico, dove destra e giustizialismo si saldano senza tanti scrupoli. Attaccano perché hanno capito che la candidatura Sala è solida perché credibile. Ma va bene così: passino ai raggi X la mia vita adesso, così a tempo debito, se sarò davvero candidato sindaco, per i milanesi sarà già tutto chiaro.”