La festa in spiaggia all’alba di Ferragosto. Il via vai di gente. I due amici persi appena arrivata. Poi un ragazzo si offre di farle compagnia, le accetta. Poi lo stupro. E’ questo il racconto fatto agli uomini della Squadra mobile da una ventenne di Milano in vacanza a Rimini.

La giovane ha spiegato di essere rimasta sola alla festa e di essersi messa in cerca dei due amici intorno alle 5. Non aveva soldi con sé per pagare un taxi ed con gli amici era rimasta d’accordo che avrebbero preso l’autobus delle 6 del mattino per rientrare in albergo. Mentre camminava sulla battigia ha incontrato un ragazzo di colore che vedendola sola si è avvicinato offrendole compagnia. Si è dimostrato gentile, ha raccontato la ventenne agli uomini della Mobile. Ma quando è arrivato il momento di salutarsi – come ricostruisce il Resto del Carlino – il ragazzo l’ha trascinata tra le cabine e l’ha violentata. Solo quando sono arrivati dei passanti, attirati dalle grida della giovane, l’uomo è fuggito facendo perdere le sue tracce. La ragazza è stata portata in ospedale dove gli esami hanno confermato il rapporto sessuale. Adesso gli investigatori sono alla ricerca di un ragazzo alto, di colore e con le treccine.

Sempre nella notte tra Ferragosto e domenica è andato in scena un episodio simile, sulla battigia all’altezza del bagno 63 di Rimini dove si stava svolgendo una festa, ma l’aggressore in questo caso è stato arrestato prima che la violenza fosse compiuta. Una 24enne riminese, giunta in riva al mare intorno all’1.30, è stata afferrata per le spalle da un uomo che poi l’aveva buttata a terra e aveva cercato di tenerla bloccata per i polsi.

La ragazza è riuscita a liberarsi e a scappare per chiedere aiuto. Sul posto è intervenuta una volante della polizia che, in base ai dettagli forniti dalla 24enne, è riuscita a rintracciare e a fermare il responsabile che si trovava ancora in zona. La giovane l’ha riconosciuto ed è così scattato l’arresto. La convalida è fissata per martedì mattina. Scappando, la 24enne ha lasciato la borsa sulla spiaggia ma quando è tornata per cercarla non c’era più, le era stata rubata.