Il rebus dell’esecuzione nella pizzeria di Brescia potrebbe essere ad una svolta. Sono stati, infatti, arrestati i due presunti esecutori materiali dell”omicidio di Francesco Seramondi e della moglie Giovanna Ferrari, i coniugi uccisi all’interno del loro pizzeria a Brescia. Si tratta di due cittadini pakistani, attivi nella ristorazione, fermati dagli inquirenti a Casazza, un comune della provincia di Bergamo, e quindi portati alla questura di Brescia. I due stranieri sono stati interrogati dal pm Valeria Bolici e posti in stato di arresto. Gli uomini della mobile hanno recuperato in un campo l’arma che ritengono sia stata utilizzata dai due killer e cioè un fucile a canne mozze.

Si tratta delle persone alle quali Francesco Seramondi aveva ceduto la prima pizzeria da asporto “Dolce e Salato“, poi fallita qualche mese dopo il passaggio di quote. Le due attività erano nello stesso piazzale, una davanti all’altra. Proprio la rivalità sul mercato, oltre ad accordi economici non rispettati, rappresenterebbero il movente della mattanza. Pare che gli assassini dovessero ancora del denaro alle vittime, ma non erano più in condizioni di pagare.

Tra Seramondi e i suoi killer i rapporti iniziarono ad incrinarsi nel 2010 quando un’ordinanza del Comune di Brescia obbligava la proprietà del Dolce e Salato a chiudere alle 22, per motivi di ordine pubblico, mentre la pizzeria da Frank poteva rimanere aperta tutta la notte. Gli inquirenti sono arrivati ai presunti assassini dalla targa del motorino immortalata, dopo l’omicidio, da alcune telecamere di sicurezza installate in strada. Anche lo scooter usato per il duplice omicidio è stato trovato e posto sotto sequestro.

“Abbiamo fermato i due esecutori materiali del duplice delitto della pizzeria Frank. Il presidio dello Stato funziona, è attivo ed è efficace e rafforza il senso di sicurezza e di protezione nei cittadini”, è il commento a caldo del ministro dell’Interno, Angelino Alfano. Duro il commento del governatore della Lombardia, Roberto Maroni, che su twitter scrive: “Presi i presunti assassini dei coniugi di Brescia. Sono due asiatici. A casa loro li avrebbero messi al muro”.

I due killer hanno fatto irruzione nella pizzeria gestita dai coniugi Seramondi, dando inizio alla mattanza con un fucile a canne mozze. Le telecamere interne al locale però hanno filmato la scena: nelle immagini, poco nitide, si vedono due uomini che sparano ma i loro volti sono coperti dai caschi integrali.

I Seramondi erano molto conosciuti e molto stimati dai clienti che li definiscono “un pezzo di storia di Brescia”. In un primo momento si era ipotizzato che la duplice esecuzione fosse la vendetta arrivata dopo le numerose denunce  presentate da Frank Seramondi contro il degrado fuori dal locale, che si trova in una zona periferica popolata da spacciatori e  piccoli malavitosi.“Le indagini portano in direzione diametralmente opposta” avevano detto dalla questura. Dove adesso s’indaga su una pista molto diversa: una strage ordinata per eliminare i concorrenti.