“E’ stato un grave errore aver interrotto Mare Nostrum, ha provocato gravi perdite di vite umane. Triplicare Triton è stato solo un ritorno alla norma, anormale è stato lasciare sola l’Italia”. A dirlo è stato il presidente della Commissione Ue, Jean Claude Juncker, durante la plenaria del Parlamento europeo riunito a Strasburgo. “È necessario che la nuova strategia dell’Europa sull’immigrazione preveda un meccanismo di quote che vada al di là della volontarietà: l’Europa deve fare la sua parte con azioni di solidarietà condivisa“, ha continuato Juncker.

I deputati europei si apprestano proprio mercoledì a votare una bozza di risoluzione congiunta siglata dal gruppo popolare, socialista e liberale che chiede alla Commissione di stabilire quote obbligatorie da assegnare ai singoli stati membri per distribuire i richiedenti asilo, allargare il mandato di Triton espandendo l’area di intervento e prevedendo anche il dovere di portare avanti operazioni di search and rescue, fare “pieno uso delle opzioni già esistenti per concedere visti umanitari” e “considerare seriamente l’ipotesi di utilizzare la direttiva del 2001 sulla protezione temporanea“.

“Se si chiudono le porte, è chiaro che la gente entra per la finestra: dobbiamo lavorare a fondo per aprire le porte e agire sull‘immigrazione in regola“, ha detto il numero uno dell’esecutivo Ue. Finora dal Consiglio Ue sono invece arrivate “risposte immediate ma insufficienti“.