Una comunità di appassionati di cibo, che oltre a gustare le pietanze amano fotografarle. Esiste dal 2010 e in questi anni ha raccolto oltre 3 milioni di ricette aggregando segreti di cucina, indirizzi di ristoranti, pareri sui piatti da ogni parte del pianeta. Si chiama Foodspotting, oltre al sito web esiste anche l’app, ed è un social che funziona alla maniera di Instagram, solo che qui c’è spazio soltanto per immagini di pietanze che raccontano le tradizioni culinarie dei diversi angoli del mondo. Di questa grande famiglia di ricette soltanto 75 – si tratta dei piatti più buoni e più particolari, a detta di chi si è occupato della selezione – hanno avuto l’onore di far parte della raccolta “Cacciatori di ricette e giramondo”, edita da Terre di Mezzo.

Ramen, churros e hamburger sono piatti ormai noti ai più: oltre a questi il libro, e ancora di più l’app e il sito, offrono un viaggio gastronomico in grado di garantire più di una sorpresa a chi ama scoprire gusti nuovi, e anche a chi non ha problemi a sfidare il palato con qualche scelta coraggiosa (non tutte le foto, vedrete, sono invitanti alla stessa maniera). Ovviamente su Foodspotting la parte più divertente è quella di creare un proprio profilo, per pubblicare, condividendoli, i menu ordinati nei ristoranti visitati, non solo dalle proprie parti ma anche durante viaggi e trasferte, con tanto di giudizio per contribuire alla creazione della reputazione dei locali del luogo.  Spazio anche ai ristoranti che propongono cucina straniera in città, per viaggiare anche solo mangiando una specialità di un luogo lontano.

Allo stesso modo nel libro sono documentate le 75 ricette toccando ogni aspetto: in questo caso però siamo davanti a una sorta di taccuino. Il libro va infatti completato da chi lo acquista o lo riceve: per ogni piatto, del quale vengono forniti la storia e le caratteristiche, insieme all’immancabile immagine, c’è lo spazio per prendere appunti. Sulla propria reazione: ognuno dei cinque sensi avrà la sua riga di commento. Prima del giudizio complessivo, espresso in punteggio ma anche attraverso una emoticon, si ricordano data e luogo dell’assaggio, e la compagnia con la quale si è intrapresa l’avventura culinaria del giorno. Un volume stuzzicante, che che fa venire la voglia di iscriversi a Foodspotting e cominciare ad esplorare, assaporare, fotografare e condividere.

www.puntarellarossa.it