“Non siamo vintage o una minoranza a pensare che la famiglia è quella formata da un uomo e una donna”, così Angelino Alfano interviene sul palco del Family act, la manifestazione del Nuovo centrodestra, indetta ieri pomeriggio in piazza Farnese a Roma. Bonus bebè, fondi per la famiglia previsti nella legge di stabilità, Ncd sottolinea il suo contributo in materia e dice no alle unioni civili. “Siamo contro le adozioni e l’eterologa per le coppie omosessuali, voteremo contro il modello tedesco“, afferma il ministro Beatrice Lorenzin. “Troveremo una sintesi, alcuni diritti civili per le coppie di fatto, le convivenze, vanno riconosciuti, ma i bambini hanno il diritto ad una madre e un padre”, rilancia il senatore Renato Schifani. Sull’apertura di Forza Italia ai matrimoni gay, Fabrizio Cicchitto commenta così: “Spero sia reale e non una cosa estemporanea, è un tema troppo serio per delle baggianate” . “C’è un’anima laica e più aperta come la Pascale, ma ci sono altri esponenti più moderati, Berlusconi troverà la sintesi”, chiosa Nunzia De Girolamo. E parlando di famiglie, Ncd oggi festeggia un anno di vita. “Sembrano passati vent’anni”, afferma Gaetano Quagliariello. Alla domanda se il partito ci sarà ancora il prossimo anno o se confluirà nel grande partito della Nazione di Renzi, tutti rispondono con un secco: “Mai“. Anche se Maurizio Sacconi non può nascondere la sua stima verso un premier con cui ha molto in comune. “Forse si iscriverà lui nel Nuovo centrodestra”, osserva ironico Quagliariello  di Irene Buscemi