Migliaia d’infermieri sono scesi in piazza Montecitorio, ma altrettanti hanno appoggiato lo sciopero dalle proprie città, per manifestare contro il blocco del turnover e i “turni massacranti” a cui sono sottoposti gli operatori sanitari. Un fiume di camici verdi e azzurri che hanno sfilato per le strade della capitale e che, solo nella mattinata del 3 novembre, hanno fatto saltare almeno 30mila interventi già in programma. “Al premier Renzi chiediamo di rimettere il lavoro al centro della politica. Non è quello che sta accadendo, purtroppo, con questa legge di Stabilità“, ha spiegato Andrea Bottega, del sindacato Nursind.

Da Milano a Catania da Roma a Pisa, questo sciopero nazionale ha coinvolto gli infermieri di tutta Italia e bloccato la maggior parte degli interventi programmati per la giornata. Gli ospedali hanno potuto “garantire solo le urgenze – continua Bottega – I disagi per i pazienti, inevitabilmente collegati, sono il necessario prezzo da pagare”. Forte adesione soprattutto nel sud Italia, come testimoniano i responsabili locali del sindacato: “A Caltanissetta abbiamo avuto una partecipazione massiccia. All’ospedale Sant’Elia abbiamo avuto 300 adesioni su 500 infermieri. In altre parti della Sicilia ci dicono che sono state bloccate molte sale operatorie e rimandati molti interventi programmati”, spiega Salvatore Vaccaro dirigente nazionale Nursind. Anche a Pisa lo sciopero degli operatori sanitari ha mandato in tilt le strutture ospedaliere della città toscana: “Su 52 sale operatorie – spiega Daniele Capuozzo, segretario amministrativo nazionale Nursind – ce ne sono 30 bloccate. E’ bloccato il day hospital oncologico, l’emodinamica, l’ambulatorio cardiologico, i servizi psichiatrici”. Nonostante i numeri “incoraggianti” per gli organizzatori dello sciopero, la partecipazione poteva essere ancora più ampia, ma “molti colleghi, madri e padri di famiglia, non possono rinunciare ad un giorno di lavoro e a 50 euro in busta paga – spiega Adriano De Iuliis, segretario Nursind dell’ospedale Spallanzani di Roma – Questo fa capire quanto sia critica la situazione dal punto di vista degli stipendi”.

I camici verdi e azzurri chiedono lo sblocco del turnover e turni di lavoro meno “massacranti”:  “Chiediamo dignità per la nostra professione – prosegue Bottega – Da anni lavoriamo con turni massacranti per il mancato turnover di chi va in pensione mentre oltre 25.000 giovani infermieri sono oggi senza lavoro. E, a fronte dei sacrifici che ci vengono richiesti, i nostri stipendi sono fermi al 2009“. Le richieste e i disagi causati, continuano dal sindacato, fanno parte della lotta dei lavoratori in favore anche dei pazienti, per garantire un buon servizio sanitario “a chi veramente ne ha bisogno”.

In appoggio alla causa degli infermieri è lo stesso ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che ritiene “essenziale permettere il turnover all’interno delle professioni sanitarie, perché congelare così l’accesso al di sotto dei fabbisogni diventa un problema di qualità sanitaria per i prossimi anni, nel momento in cui stanno tra l’altro andando in pensione migliaia di persone”. L’esponente del governo, parlando a margine di un congresso sullo stato delle vaccinazioni in Europa, ha assicurato i lavoratori che quello degli infermieri “è una delle questioni cui stiamo lavorando al tavolo sull’articolo 22 del Patto per la salute, che vedrà soluzione tra qualche giorno”.