Oh Giova, Giova, perché non sei Barbara? Rifiuta il tuo nome, chiamati d’Urso. Dichiara che lo ami e farai anche tu il 19%“. Così Maurizio Crozza esordisce nella sua copertina, con cui si apre la nuova puntata di “Dimartedì”, su La7. Il comico genovese ironizza sull’ultima partecipazione televisiva dal premier a “Domenica Live”, su Canale 5: “Renzi ha presentato la legge di stabilità dalla D’Urso. E’ come se Togliatti fosse andato a presentare lo strappo con l’Unione Sovietica al “Musichiere”. Tra l’altro, ha annunciato gli 80 euro alle neomamme”. E osserva: “Il bonus per le neomamme è stato detto nell’ora di massimo ascolto dalla D’Urso. Invece la notizia che viene fatta slittare al 10 del mese le pensioni delle nonne Renzi se la tiene nelle ore in cui è trasmesso il Consorzio Nettuno, alle 4 del mattino“. Crozza aggiunge: “Il bonus da 80 euro vale per i bambini che nascono dal 2015. Tu pensa una donna incinta che deve partorire a dicembre. Per prendersi gli 80 euro stringe i denti fino a Capodanno. Ma poi Renzi è strano” – continua – “ovunque va, promette 80 euro. E’ il famoso giro del tonto con 80 euro. Promette 80 euro, 800mila posti di lavoro, c’è sempre il numero 8. Berlusconi almeno aveva promesso 1000 euro a bambino e un milione di posti di lavoro. Renzi è Berlusconi senza il 20% di iva“. Il comico imita il Cavaliere, descrivendo il suo shock nel vedere Renzi a Canale 5 “con la sua conduttrice, nel suo studio” a rubare i suoi elettori. Crozza si rivolge poi a Susanna Camusso, presente in studio e le chiede: “So che sabato lei sarà alla manifestazione della Cgil e sarete almeno un milione. Tutti sindacalisti, tra l’altro. Certo è che per un militante del Pd non è facile scegliere tra l’andare alla Leopolda e l’ascoltare il comizio della Camusso. E’ come quando devi scegliere se passare tutto il sabato ad Ibiza con gli amici oppure uscire al catasto per sanare una veranda“. Il comico ligure si sofferma poi sulle recenti espulsioni nel M5S e imita Beppe Grillo: “Li ho mandati via, perché hanno detto “organigramma”, quella parola non la dice più nemmeno la nonna della Camusso. Ma poi organigramma? Vuoi sapere chi comanda? Io: l’organi-Grillo“. Nel finale, Crozza si rivolge a Matteo Salvini, in collegamento da Bruxelles: “Mentre il paese è innamorato di uno con la camicia bianca, lei si è preso la cotta per quelli con camicia nera”. E ironizza sui manifestanti e sui cartelli apparsi durante il raduno