E’ stato arrestato a Reggio Emilia Antonino Napoli, un imprenditore calabrese 60enne originario di Polistena trasferitosi nel reggiano. L’uomo era stato condannato nell’ambito della maxi operazione antiriciclaggio denominata ‘Artù’ e condotta nell’agosto del 2011 sotto la direzione della Dda di Reggio Calabria.

L’indagine portò a bloccare una colossale operazione di riciclaggio di denaro, messa in piedi attraverso l’intermediazione di esponenti di spicco della ‘Ndrangheta e di Cosa Nostra. Furono venti le persone arrestate in tutta Italia con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio, alla truffa e alla falsificazione di titoli di credito. Tra loro c’è anche l’imprenditore 60enne, fermato ieri dai carabinieri di Rubiera che hanno eseguito l’ordine di carcerazione.