“Il governo vuole andare verso l’abolizione dell’attuale sistema delle supplenze nella scuola”. Lo ha detto la ministra dell’Istruzione, Stefania Giannini, incontrando i giornalisti al Meeting di Rimini di Cl, senza fornire ulteriori dettagli sul piano di riforma. “Le supplenze – ha spiegato Giannini – non fanno bene né a chi le fa né a chi le riceve”. La ministra ha evidenziato che “ragionare in termini di organico funzionale e non di diritto è l’uovo di Colombo di cui nella scuola si parla da tempo, anche se nessun governo è intervenuto. All’inizio della scuola si sa già quante persone mancano”. Il ministro ha poi spiegato: “Mi aspetto che la sensibilizzazione della società italiana sui temi dell’educazione porti a una maggiore generosità di alcuni mondi, che ora faticano a contribuire”. Incalzata dai giornalisti, il ministro però non ha voluto rivelare altri dettagli relativi al pacchetto scuola che il premier si prepara a portare sul tavolo Consiglio dei ministri, venerdì 29 agosto  di Giulia Zaccariello