Incassato il primo sì dall’aula del Senato, sul ddl Boschi piovono le critiche da parte delle opposizioni. “Si è arrivati all’approvazione senza libertà di voto – attacca Roberto Calderoli (Lega Nord) relatore di minoranza del disegno di legge – lo dimostra il fatto che con il voto segreto la maggioranza è andata sotto. E’ una riforma squilibrata e incostituzionale, non si possono eleggere senatori consiglieri regionali. Io mi auguro che il Presidente della Repubblica non firmi questo disegno”  di Annalisa Ausilio e Irene Buscemi