Maroni indagato? Mi girano le balle, basta!“. E’ lo sfogo del segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, ospite di “In Onda”, su La7, circa l’indagine a carico del governatore della Lombardia nell’ambito dello scandalo Expo. “La procura di Busto Arsizio” – continua – “è quella che ha indagato per mesi su presunte tangenti che la Lega avrebbe preso da Finmeccanica per vendere degli elicotteri in India. Siamo stati sui giornali per settimane, poi… puff. Tutto archiviato. Dopo qualche mese, senza che nessuno abbia chiesto scusa alla Lega per averci sputtanato per mesi, è finito tutto”. Salvini attacca anche la procura di Brescia e aggiunge: “Siamo al delirio. Mi viene il dubbio che siccome la Lega non è coinvolta nello scandalo veneto del Mose, dove ci sono dentro Pd e FI, né nelle vicende milanesi di Expo, dove ci sono il cassiere del Partito Comunista e il deputato del Pdl, adesso debbano cercare per forza di tirar dentro un leghista. Mi viene da ridere e mi arrabbio”. L’europarlamentare leghista poi osserva: “Sono delle strane coincidenze: quando c’è di mezzo la Lega, partono sempre le indagini col botto, poi finiscono in niente. Come se ne esce? Domani chi indaga ascolti Maroni. Se questo succede, io sono tranquillo. Altrimenti inizio ad irritarmi