Il ct azzurro Cesare Prandelli a poche ore dal fischio di inizio di Italia – Uruguay si mostra determinato: “Non sarà la stessa Italia di Recife. Abbiamo recuperato forze ed energie. Daremo battaglia. Specie quando siamo all’estero, abbiamo la responsabilità di rappresentare il nostro Paese. Dobbiamo tenere a questa maglia, e sudarcela”.

Ma il commissario tecnico non nasconde un velo polemico, in risposta alle critiche ricevute dopo la sconfitta con la Costa Rica: “Ci sono sessanta milioni di italiani – ct pronti a giudicarmi? Nulla di nuovo. In Italia non si guarda al lavoro di anni ma alla singola partita. Vorrà dire che porteremo quei sessanta milioni dalla nostra parte”, ha detto Prandelli nella consueta intervista pregara a RaiSport.