“A me piace Tsipras, lui parla di un linguaggio europeo diverso, vuole portare più democrazia in Europa”. Così Luigi de Magistris, sindaco di Napoli, su Alexis Tsipras, candidato greco alla presidenza della Commissione UE. “Lui dice che in Europa devono contare più i popoli, quindi di più i bisogni, i conflitti, le disuguaglianze. Lui viene dalla Grecia, io dal sud Italia, è chiaro che siamo più vicini perché soffriamo e vogliamo più giustizia”. E ancora: “Quando lo incontro gli chiederò di portare avanti lotte per il sud del mondo, per il Mediterraneo, per la Magna Grecia, per un’Europa che sia più di diritti e che guardi più al sud”. Per de Magistris, il sostegno al leader di Syriza non si scontra con la fiducia che pure dice di avere in Matteo Renzi (leader Pd) premier: “Il sindaco non può che ribadire la fiducia nella nascita di un governo e poi in Renzi ho molta più fiducia che in Berlusconi, Monti e Letta. Perché è giovane, è sindaco, l’ho conosciuto, siamo diversi ma la diversità è una ricchezza”. Nessuna critica neppure al modo in cui è nato il nuovo governo? “Mi volete far litigare con Renzi prima di cominciare? Non ci riuscirete, voglio costruire con Renzi un bel rapporto”  di Andrea Postiglione