Si prostituiva con un amico di famiglia di 60 anni, spinta dalla madre, nonostante i suoi soli 13 anni. Prestazioni pagate con pochi spiccioli e qualche regalo. I carabinieri di Salerno hanno ricevuto una segnalazione su quello che la piccola era costretta a subire. Hanno indagato per un mese. E alla fine hanno trovato il riscontro più schiacciante e scabroso. L’uomo è stato fermato, vicino alla sua abitazione, in compagnia della ragazzina.

La madre e l’amico sono stati arrestati e rinchiusi nel carcere di Fuorni, in provincia di Salerno: lei con l’accusa di aver favorito gli incontri sessuali della figlia, lui di aver commesso atti sessuali su una minore al di sotto dei 14 anni. Stando alle prime notizie, la tredicenne non avrebbe avuto rapporti con altre persone. E’ stata subito affidata a una psicologa e trasferita in una casa famiglia del Salernitano.