Sì alle critiche nei confronti del presidente della Repubblica, ma nel rispetto della legge. Beppe Grillo sul suo blog scrive un post scriptum diretto agli utenti del suo sito, a seguito delle critiche espresse a Napolitano in merito al messaggio inviato alle Camere sull’emergenza carceri. “Esprimete il vostro pensiero in maniera corretta – scrive il leader del Movimento -. Evitate il vilipendio al capo dello Stato”.

Alcuni esponenti M5S ritengono che il ricorso all’amnistia o all’indulto per risolvere il sovraffollamento delle carceri sia stato citato per anticipare un “salvacondotto” per Silvio Berlusconi. Il titolo del post è “Napolitano contro il Movimento 5 Stelle” che riporta, testualmente, la frase detta dal presidente della Repubblica a Cracovia: “Coloro i quali (il MoVimento 5 Stelle, ndr) pongono la questione in questi termini vuol dire che sanno pensare ad una sola cosa, hanno un pensiero fisso e se ne fregano degli altri problemi della gente e del Paese. Vuol dire che quelli che dicono così non sanno quale tragedia è quella delle carceri. Va bene? Non ho altro da dire”.