“E’ da 42 anni che sono ministro della Chiesa. Poi faccio altro e volentieri collaboro a percorsi comuni nella lotta alle mafie e lo faccio con Libera“. Così Don Luigi Ciotti, dopo aver incontrato il premier incaricato Pier Luigi Bersani nell’ambito delle consultazioni, smentisce l’ipotesi che possa fare il ministro di un eventuale governo Bersani. E a chi chiedeva al sacerdote, fondatore dell’associazione antimafia Libera, come avesse trovato il segretario del Pd ha risposto: “È uno tosto“. Bersani dal canto suo ha rotto il protocollo delle consultazioni dichiarando: “Oggi è il 18esimo compleanno di Libera. Da incaricato voglio ringraziare in veste ufficiale Don Ciotti a nome di tutti gli italiani per quello che sta facendo”  di Manolo Lanaro