L’ipotesi è di omicidio, ma sarà l’autopsia a determinare come è un morto un militare della guarda di Finanza trovato senza vita vicino alla caserma del reparto territoriale delle Fiamme Gialle di Aversa, nel casertano. Il cadavere presenta due colpi di pistola, uno alla mano e l’altro nella parte posteriore della nuca. In un primo momento si era pensato al suicidio, ma le due ferite e la mancanza apparente di motivi per togliersi la vita fanno pensare a una morte violenta per Fabrizio Ferrara, 39 anni, separato dalla moglie e padre di due figli. Il basco verde,  nella Guardia di Finanza dal 1994, è stato trovato dai colleghi in perlustrazione in una zona intorno alla caserma di Aversa, dove Ferrara prestava servizio nelle unità cinofile.

Il corpo era accanto alla sua moto, e la pistola di ordinanza vicino alla mano. Il pm di turno della Procura di Santa Maria Capua Vetere ha disposto l’autopsia in questa stessa giornata, proprio per tentare di capire cosa sia accaduto. A un primo esame del corpo, il medico legale comunque non esclude il suicidio anche perché la ferita alla mano puo’ essere determinata dal gesto stesso.