Su Twitter l’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha più di 70 mila follower. Un profilo da rockstar per un ente pubblico che in tempo reale segnala ai cittadini le scosse sismiche registrate dai ricercatori. In piena emergenza terremoto le redini operative dell’Istituto saranno affidate a un nuovo direttore generale, Massimo Ghilardi. Una nomina in nome del merito e della trasparenza invocati a grandi lettere anche sul sito Internet dell’Ente? A leggere il curriculum sorgono dei dubbi: Ghilardi, 45 anni, è carabiniere di leva, laureato in Scienze motorie alla Cattolica di Brescia e anche in Sociologia politica a Urbino, iscritto all’Albo dei promotori finanziari e consigliere comunale del Pdl a Chiari, piccolo comune lombardo. Nella sua biografia vanta però l’appartenenza al “clan dei bresciani” voluti a Roma dall’ex ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini.

È stata lei, infatti, a nominare, con chiamata diretta, Ghilardi a capo della direzione generale della Ricerca del Miur (stipendio base 106.628 euro) per “comprovate e qualificate esperienze professionali” . Quali? Difficile dirlo. Di sicuro il nuovo direttore generale dell’Ingv ci sa fare con i conti: ha ricoperto lui l’incarico di tesoriere della corrente-Fondazione pidiellina “Liberamente” capitanata da Franco Frattini, dalla stessa Gelmini e Mario Valducci.

L’Anpri (associazione nazionale professionale per la ricerca) ha annunciato in un comunicato la nomina di Ghilardi: “L’attuale dirigente ministeriale al Miur, ivi chiamato dalla sua conterranea Mariastella Gelmini, sarà il prossimo Direttore generale dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Il Cda, pur non all’unanimità, ha evidentemente trovato interessante tale curriculum forse perché porterà all’Ente nuove competenze finora mancanti”, hanno scritto ironicamente i ricercatori. Anche se il Consiglio di amministrazione non vota questo tipo di nomine, come spiega al Fatto il presidente dell’ente, Stefano Gresta, assumendosi la responsabilità della scelta: “Il direttore generale viene designato dal presidente, domani (oggi, ndr) troverete il verbale della riunione su Internet”. Ghilardi andrà a sostituire Tullio Pepe, all’Ingv dal 1980 (quando era ancora Ing), dove arrivò come responsabile dell’ufficio Contabilità. Le voci di corridoio parlano di una “promozione-rimozione”, ovvero il ministro “tecnico” Francesco Profumo avrebbe preferito la soluzione Ingv per Ghilardi purché non restasse direttore generale al Miur.

Quella nomina era stata anche oggetto di un’interrogazione parlamentare del vicepresidente dei deputati Pd, Alessandro Maran, che un anno fa chiese spiegazioni sulle reali competenze professionali di Massimo Ghilardi che, tra le altre cose, è anche responsabile dell’ufficio di vigilanza e finanziamento degli enti di ricerca del ministero e gestisce un portafoglio da 915 milioni di euro. Dal Miur targato Gelmini mai nessuna risposta. Anzi. Pochi mesi fa Ghilardi veniva dato in corsa per la direzione generale del Cnr, e lui, nonostante le critiche, non disdegnava: “Il presidente deve essere uno scienziato – spiegava allora Ghilardi – ma questo presupposto non vale per il direttore che invece deve avere capacità manageriali , quali io reputo di avere”. In realtà il ruolo manageriale è quello in mano a un direttore amministrativo. Il direttore generale dovrebbe garantire l’operatività dell’ente a tutti i livelli. Nel Cda dell’Ingv è rientrato anche Domenico Giardini, l’ex presidente, professore al Politecnico di Zurigo, che aveva lasciato l’incarico dopo 5 mesi dichiarando pubblicamente che l’indennità di 115 mila euro era bassa e che “in Italia si guadagna troppo poco”.