Le borse europee positive per tutta la giornata chiudono con il segno più sulla scia della speranza che l’Europa vari nuove misure per stimolare la crescita. A Londra il Ftse 100 guadagna l’1,86%. Milano, maglia rosa, chiude a +3,4%. Il Dax di Francoforte sale dell’1,65% e il Cac di Parigi dell’1,88%. Positiva anche Madrid a 2,4% mentre Atene scende dell’1,58%.

Accelera Piazza Affari spinto da Mps (+8,39%), Ubi Banca (+5,83%), Stm (+5,25%) e Fiat (+4,23%), favorita dalla raccomandazione ‘outperform’ (rendimento superiore agli indici di borsa) degli analisti di Sanford Bernstein e dalle ipotesi di un rafforzamento dell’alleanza con Suzuki, in vista di una rottura con Tata. Giù Banco Popolare (-0,29%), ed A2a (-0,28%), cauta Enel (+0,51%, brillante invece Eni (+1,56%). Bene Unicredit (+3,07%) e Intesa (+1,27%).

Sulla piattaforma Bloomberg, lo spread è a 411 punti. Il differenziale calcolato sui Bonos spagnoli è a 469 punti. Il tasso del decennale è al 6,14%. Questa mattina lo spread era a 437 punti sulla piattaforma Reuters. Il rendimento al 5,84%. Sulla piattaforma Bloomberg si attestava a  a 423 punti. Il differenziale calcolato sui Bonos spagnoli era a 474 punti. Il tasso del decennale era al 6,21%.