Il direttore dell'Agenzia delle Entrate, Attilio Befera

L’Agenzia delle Entrate seguirà “direttamente” la vicenda dell’artigiano che ieri si è dato fuoco davanti alla sede di Bologna: “Siamo estremamente dispiaciuti” ha detto il direttore Attilio Befera. L’Agenzia “seguirà direttamente questa situazione per non creare ulteriori problemi. Gli auguro di riprendersi presto”. “In una situazione di difficoltà economica e di crisi finanziaria – ha aggiunto Befera – episodi come questi purtroppo possono accadere”. Il direttore delle Entrate ha detto che da tempo, anche per queste ragioni di contesto economico, “chiediamo ai nostri dipendenti sempre il massimo rispetto nei confronti dei cittadini”. Tempo fa il direttore Befera aveva mandato una circolare a tutte le strutture chiedendo proprio la massima attenzione nei rapporti con i contribuenti.

Le condizioni dell’uomo, pur nella loro gravità, sono stabili. L’uomo è ricoverato in prognosi riservata al centro grandi ustionati di Parma con ustioni sul 100% del corpo.

Boom di recupero dell’evasione nel 2011. L’Agenzia delle Entrate ha presentato oggi il bilancio dell’attività di recupero del 2011 che ha fatto registrare un risultato positivo: lo scorso anno il Fisco ha incassato dal recupero dell’evasione 12,7 miliardi di euro, il 15,5% in più rispetto al 2010 che si era chiuso con 11 miliardi in cassa. Dei 12,7 miliardi i versamenti diretti ammontano complessivamente a 8,2 miliardi (erano 6,6 miliardi nel 2010; +24,2%), mentre il riscosso da ruoli a 4,5 miliardi (4,4 miliardi nel 2010; +2,3%). A fronte di una diminuzione (-1,2%) del numero di accertamenti, che passano dai quasi 706 mila del 2010 ai circa 697 mila del 2011, la maggiore imposta accertata è cresciuta del 9,3% superando la quota di 30,4 miliardi contro i 27,8 registrati nel 2010. “L’Agenzia è complessivamente cresciuta in tutti i settori – ha affermato Befera – nonostante siano diminuite le risorse umane disponibili. Un risultato raggiunto grazie alla professionalità dei nostri dipendenti e alle strategie adottate che hanno puntato sempre più ad una maggiore efficacia ed efficienza”.

“Operazioni come Cortina proseguiranno”. Befera punta ad ottenere “migliori” risultati nell’azione di lotta all’evasione durante quest’anno: “Contiamo nel 2012 di avere ulteriori risultati positivi, ma contiamo anche di avere una migliore tax compliance, quindi un miglioramento in sede di dichiarazione dei redditi”. Di certo le operazioni di controllo massivo, come quelle inaugurate con il blitz di Cortina di Capodanno “rientrano nella nostra attività ordinaria e proseguiranno”. Befera ha proseguito dicendo che “si tratta di operazioni che vengono messe in campo dopo una selezione accurata. Non controlliamo chi passa per caso”.