Il sindaco di Verona Flavio Tosi

E’ solo questione di tempo, ma con Flavio Tosi tutta la Lega Nord presto o tardi dovrà fare i conti. Lui, intanto, ha cominciato a farseli per bene domenica a casa sua. Mentre Bossi perdeva sindaci, province e voti in Lombardia e Piemonte, lui vinceva a mani basse in un congresso provinciale bulgaro. Non solo perché s’è tenuto a porte chiuse – una cosa che non s’era mai vista prima nel movimento padano alle prese con gli spifferi del dissenso – ma anche per la vittoria schiacciante (più del doppio dei voti) del suo candidato.

Paolo Paternoster, presidente della municipalizzata di Verona ha surclassato il vice capogruppo alla Camera Alessandro Montagnoli, candidato ufficiale dei bossiani, che non sono nemmeno riusciti a far eleggere un loro delegato nel direttivo. Uno schiaffo per Gian Paolo Gobbo, il segretario veneto fedelissimo soldato di Bossi che pensava di riuscire a porre un argine allo strapotere di Tosi.

Un messaggio forte e chiaro da affidare all’ambasciatore Federico Bricolo, capogruppo al Senato del Carroccio, perché lo trasmetta nell’ormai famoso “cerchio magico” del Senatùr. Tosi non freme e non scalpita, è un’attendista che, smesse definitivamente le irruenze giovanili e verbali, ha imparato a coltivare la pazienza. E infatti il sindaco che non ha paura di distinguersi con dichiarazioni e comportamenti borderline rispetto all’ortodossia padana, non si danna più di tanto se proprio Gobbo e Bricolo continuano a rimandare l’indizione dei congressi di Treviso e Padova, necessari per concludere l’iter che porterà all’assise regionale per la nuova leadership della Liga Veneta. Movimento federato alla Lega, ma sempre subalterno al fiuto oggi un po’ appannato di Bossi. Una conta che i vertici al momento non vogliono affrontare, temendo i numeri di Tosi e i suoi. Meglio procrastinare finché non si trova un altro nome in grado di contrastare l’astro nascente veronese, magari confidando che sia proprio l’indefinita attesa a logorarlo. Oppure che anche lui inciampi in uno scivolone in diretta nazionale, mentre siede a scelta al Tg3 o da Gad Lerner “colpevoli” di averlo sdoganato come volto di un’altra Lega dialogante.

A Tosi, sotto le mentite spoglie di semplice sindaco di una città bella e importante ma certamente non centrale nei destini di una nazione, alcuni non perdonano il profilo politico che si è andato costruendo fuori dai percorsi ufficiali di partito. Essersi accreditato come una sorta di voce ufficiale ma alternativa della Lega, consultata da media e politica con la stessa frequenza che si riserva solo al leader. Ma anche la relazione stabilita in tempi non sospetti col presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che il 19 giugno sarà per l’ennesima volta ospite del sindaco, anche a costo di sfidare apertamente via Bellerio sul tricolore e l’inno di Mameli. Non è sfuggito che al Capo dello Stato si sia poi dovuto allineare anche Bossi negli ultimi mesi, quasi che a dettare la linea politica sia diventato ora il municipio di Verona dell’ambizioso sindaco non-sindaco, osservano i maligni.

Lui, che al solito non andrà a Pontida a giugno, né a Venezia a settembre, sta chiuso in quello che sarà il suo ufficio ancora per i prossimi dodici mesi. Il prossimo anno nella città scaligera si vota, ma nei piani di Tosi ci sono ben altre successioni da preparare che non quella a se stesso o al solo Gobbo.

di Massimiliano Crosato