Il 19 gennaio ricorrono i dieci anni dalla morte dell’ex leader socialista Bettino Craxi. Letizia Moratti, sindaco di Milano (città natale di Craxi), per il decennale vuole dedicare all’ex segretario socialista una via o un giardino all’interno di un parco. Domenica 17 gennaio, al cimitero di Hammamet (città della Tunisia dove Craxi si rifugiò nel 1994 e morì nel 2000), parteciperanno al ricordo i ministri Franco Frattini, Maurizio Sacconi e Renato Brunetta (ex socialisti), Marco Pannella, Rino Formica, Gennaro Acquaviva. Il 19 gennaio, alla Biblioteca del Senato, Craxi sarà ricordato con un convegno organizzato dalla Fondazione Craxi, guidata dalla figlia Stefania. Saranno presenti molti leader (Silvio Berlusconi è intenzionato a partecipare) e anche il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha aderito (non si sa ancora se interverrà con un messaggio o se presenzierà alla cerimonia). La Fondazione Craxi organizza il viaggio degli ex socialisti in Tunisia: propone pacchetti di soggiorno di tre giorni, aereo, pullman e albergo tutto compreso. Come ogni anno, ad Hammamet sarà presente la moglie di Craxi, Anna, che risiede nella villa tunisina. Per la prima volta, Anna potrebbe partecipare anche alla commemorazione pubblica del Senato.

Link

“Craxi? Un politico morto da latitante” (intervista a Francesco Saverio Borrelli) di Antonella Mascali

Tutto Craxi, tangente per tangente di Marco Travaglio

Craxi, Letizia Moratti e l’insulto agli elettori di Peter Gomez