“A scuola, quando studiavo il Fascismo, portavo dei foglietti che mi aveva scritto mio padre, perché i libri di storia erano pieni di errori madornali. Oggi sono migliorati, sono più obbiettivi”. Così Alessandra Mussolini (eurodeputata di FI e capolista per il Comune di Roma), ospite di Lilli Gruber a ‘Otto e mezzo’ (La7). “Mi chiedo che senso abbia che ancora nessun presidente della Repubblica – continua la nipote del Duce – abbia definito uno scempio quello che accadde a piazzale Loreto”. Poi aggiunge: “Rachele candidata con la Meloni? Non lo sapevo. Allora magari anche Elisabetta, che fa il notaio, magari si candida con Giachetti e facciamo le tre sorelle Musollini”