Si è da poco conclusa la seconda edizione milanese dello Streeat Food Truck Festival, al Carroponte. Sono state oltre 30mila le persone che si sono avventurate tra i banchi di cibo da strada e spesso hanno sopportato lunghissime file pur di assaporare il loro piatto preferito, o di assaggiare qualcosa di nuovo. E chissà quanti, nei lunghi minuti di attesa, non hanno pensato ammirando i fiammanti mezzi dei truckers: “Adesso mollo tutto e apro un carretto dei gelati”. Preferenze culinarie a parte, ecco tutto ciò che bisogna sapere se si vuole iniziare un’attività ambulante.

Partiamo dalla cosa più “gustosa”: la scelta del mezzo. Un furgone, un vecchio pulmino Volkswagen, un’ape, un rimorchio, un carretto, un camper, ogni scelta è valida purché la si equipaggi a dovere, per cucinare la vostra specialità con il massimo del comfort e della qualità. Senza tralasciare il design però: in questo settore stile e gusto vanno a braccetto, e allestitori come Business on the road e VS-veicoli speciali lo sanno bene. Il primo è un marchio giovane, che ha fiutato l’opportunità e unito in partnership Coibent Car, azienda nel settore del trasporto e della distribuzione alimentare, e Sobrio, agenzia di comunicazione e design; la seconda è un’azienda torinese che in due anni ha triplicato il proprio fatturato e che, per proseguire nel trend, sta ora puntando ai veicoli elettrici.

Il mercato negli ultimi anni è quindi decollato lasciando a terra la crisi, ma questo anche grazie ai prezzi che, per un aspirante cuoco di strada, non sono proprio modici: tra i 20 e i 40mila euro per il truck dei vostri sogni, certificato e in regola. Per quanto riguarda invece gli adempimenti burocratici si deve far riferimento al Dlgs n. 114/1998, la cosiddetta “Riforma Bersani” (artt. 27-30) che disciplina il “commercio al dettaglio su area pubblica”, attività che può essere esercitata esclusivamente da persone fisiche o da società di persone, costituite in Sas o Snc. I requisiti oggettivi richiesti sono l’iscrizione al R.E.C. (Registro Esercenti il Commercio) e la frequentazione di un corso professionale per la somministrazione di alimenti e bevande, se non già esercente nello stesso settore da almeno due anni o in possesso di un titolo di studio attinente.

Per i negozi ambulanti le autorizzazioni da ottenere – gratuitamente – dai Comuni possono essere di due tipi: la licenza “A” prevede un posteggio fisso per un preciso giorno in un certo mercato o fiera; quella di tipo “B” invece consente il commercio in forma itinerante in tutto il territorio nazionale, nelle fiere e nei mercati ma limitatamente ai posteggi non assegnati o provvisoriamente non occupati dai titolari. A questo punto il gioco è quasi fatto: basta completare le procedure per l’avvio dell’attività attraverso la Comunicazione Unica, che dal 2010 ha notevolmente semplificato le varie formalità necessarie per l’iscrizione al Registro delle Imprese.

di Stefano Padoan

www.puntarellarossa.it