I carabinieri del Nas di Bologna stanno eseguendo, in Emilia Romagna, Lombardia e Marche, 6 misure cautelari disposte dal gip del Tribunale di Rimini a carico di un’associazione per delinquere finalizzata a favorire la prescrizione, l’approvvigionamento e l’assunzione di farmaci dopanti. Tra i destinatari delle misure ci sono un medico sportivo di Rimini, che prescriveva e procacciava doping ad atleti, professionisti e non, anche minorenni, del calcio, basket, atletica leggera, ciclismo, triathlon, pattinaggio, tennis, e tre dirigenti ed informatori scientifici di una nota azienda farmaceutica lombarda, che assicuravano la fornitura dei farmaci dopanti ad un prezzo scontato e la consegna agli assuntori di una speciale strumentazione necessaria per la somministrazione.

“Tra le persone coinvolte – sottolinea il tenente colonnello Giovanni Capasso – anche un calciatore in  attività che nel 2009, quando è partita l’operazione, militava in serie B”.