Sulla via di Santiago

Rabanal del Camino

giorno 22

[sharer]

Pensavo che avrei avuto più voglia di andare in chiesa. Mi sbagliavo

Mark, 30 anni. Australia

Perché sono qui? Non sapevo cosa fare e questo era il piano migliore. Avevo sei settimane di ferie e quando ho deciso che sarei venuto qui ero ancora single. Il cammino, in fondo, mi sembrava una buona idea. Volevo capire se la mia fede fosse solida. Sono cattolico praticante, ma non mi sento più legato alla religione. Onestamente, quando cammino da solo penso a cose stupide, leggere. Al vento, a cosa farò quando tornerò a casa. Mi aspettavo che magari sarei andato di più in chiesa, che ne avrei avuto voglia. Non sta andando così. A casa vado a messa perché sono abituato a farlo, ma questo non significa credere. È più un obbligo. Per me non è qualcosa di negativo, è solo così com’è, nient’altro. Di solito non dico che sono cattolico: in Australia è molto più cool essere atei. Quindi non parlo della mia fede alle persone che incontro, a meno che non me lo chiedano esplicitamente. In quanto credente, sei minoranza. Nel mio paese conta solo avere soldi e un buon lavoro. Cosa voglio imparare? A chiedere di meno ‘scusa’.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore