Sulla via di Santiago

Melide

giorno 29

[sharer]

Per stare insieme abbiamo fatto i pendolari per anni. Il cammino sarà una passeggiata

Deborah, 28 anni. Enrico, 29 anni. Italia

Siamo marito e moglie da una settimana. Ci siamo sposati e due giorni dopo siamo partiti per il cammino, che è il nostro viaggio di nozze. Siamo cattolici ma non praticanti, e ci siamo sposati in chiesa per tradizione. Andare a Santiago per noi è una metafora della vita di coppia. Significa aspettarsi e prendersi cura l’uno dell’altra anche quando non si sta bene. Farsi coraggio nei momenti di difficoltà e gioire insieme quando si arriva a destinazione. Ci è sempre piaciuto camminare, specie in montagna. Siamo partiti da Leon, non avevamo abbastanza tempo per cominciare da Saint Jean. Lei è più minuta ma è in formissima, io che sono il più allenato faccio fatica. Non abbiamo aspettative, se non la conferma che rimanga tutto così com’è. Insieme, felici. Le situazioni che capitano a casa le riviviamo sul cammino, nulla di diverso. Siamo in coppia da 9 anni, conviviamo da due. E per stare insieme in tutto questo tempo abbiamo fatto tanti chilometri da pendolari, tra Modena e Torino. Alla fine il cammino sarà una passeggiata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore