Sulla via di Santiago

Astorga

giorno 21

[sharer]

Ci sono state tante distrazioni. Ragazzi e fumo

Chandler, 23 anni. Usa

Sono in un momento di transizione molto importante, non so cosa fare dopo il college. Ho delle aspettative dal cammino: voglio capire quali siano le mie passioni. Tutti sembrano così sicuri di quello che vogliono, io non lo so. Mi piacciono le persone, per questo è difficile capire in che direzione andare. So solo che voglio lavorare nel sociale. Qui ho tempo e spazio per pensare. Sono partita con mio papà, siamo al 22esimo giorno di cammino. Sono stupita di come stia andando. Volevo aggiornare più spesso il mio diario, e invece ho scritto solo per quattro giorni. Sul cammino pensavo di essere una persona migliore, ma ho scoperto che non è così. Ci sono state varie distrazioni: i ragazzi, il fumo. Sono stata impaziente, mi sono arrabbiata per il mio stato fisico. A casa, a Seattle, ho più controllo su me stessa. Qui finisci in situazioni che non puoi dominare, e questo è l’unico modo per crescere. Sto imparando ad avere fiducia in me stessa. A perdonarmi e ad accettarmi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore