Sulla via di Santiago

Barbadelo

giorno 27

Condividi
Ho pensato: e se anch’io facessi come gli apostoli?
Gabriela, 47 anni. Messico

Sono cattolica e ho studiato lingue e letterature ispano-americane, che insegno all’università di Città del Messico. Il cammino è un viaggio che ha a che fare con le mie radici, perché una parte della mia famiglia è originaria di Leon. Sono orfana, i miei genitori non ci sono più, quindi questo è anche un modo per scoprire parte della mia identità, visto che entrambi erano spagnoli.

Un anno fa sono stata a Gerusalemme e ho capito meglio cosa significasse essere pellegrino. Vuol dire andare da una parte all’altra per conoscere persone, luoghi e se stessi. Allora avevo un forte senso di inquietudine perché avevo approfondito la vita degli apostoli e di Gesù. Possedevano poche cose e camminavano tanto. Mi sono detta: e se anch'io andassi in giro come loro?

Adesso che lo sto facendo sono molto emozionata: imparo cose nuove delle culture di altri paesi e delle ragioni per cui ognuno sta camminando. Sono sempre più in pace con me stessa, non mi preoccupa quello che succederà in futuro. Da 25 giorni mangio e dormo in posti diversi ogni notte. Continuo ad andare avanti. Quando tornerò a casa sarò un'altra persona: la pace che sento adesso è solo una parte di quello che riceverò una volta finito il cammino.

Barbadelo

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×