Sulla via di Santiago

Portomarín

giorno 28

Condividi
Se lo zaino pesa troppo non vai avanti
Daniela, 29 anni. Colombia

Due anni fa ho iniziato ad avvicinarmi alla filosofia buddista e sento che camminare è una forma di meditazione. Sono qui per vedere fino a che punto sono capace di arrivare a livello di strada percorsa, conoscenza del corpo e presenza mentale.

Il primo giorno è stato difficile. All’inizio hai molta adrenalina e poi ti dici: ma dov'è sto posto dove devo arrivare? Per prima cosa spero di riuscire ad arrivare a Santiago e di arrivarci cambiata, in qualche modo. Più pura, più spirituale. Con il caos di sottofondo di tutti i giorni non abbiamo tempo di pensare. Qui, invece, posso sentire il rumore del vento tra i pini. Voglio arrivare ad accettarmi con tutte le mie debolezze.

La priorità? Imparare a vivere il momento. Non che inizio a camminare e penso già all’arrivo, come a volte mi capita. Voglio godermi ogni singolo istante: i passi, il paesaggio, la gente. La prima notte in albergue ero nervosa: non mi era mai capitato di dormire con così tanta gente intorno. Ah, una cosa fondamentale è imparare a fare lo zaino. Se pesa troppo non vai avanti.

Portomarín

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×