Sulla via di Santiago

Nájera

giorno 9

[sharer]

Cammino con mia figlia

Jay, 53 anni. Stati Uniti

Giorno numero 8
Nájera
30 chilometri/19 miglia
120 miglia finora
Mercoledì, 30 agosto 2017

Dai campi siamo passati all’argilla rossa della Rioja

Giorno splendido, miglia e miglia di campi e vigneti, colline dolci. Dovunque ci giriamo è perfetto. I nostri corpi si stanno adattando, la nostra mente sta diventando più forte. Questa esperienza è decisamente diversa da qualsiasi altra cosa abbia fatto prima. Quando partiamo dobbiamo arrivare a destinazione, al di là di come ci sentiamo, di vesciche, crampi e dolori muscolari. Gli alti e bassi della mente offrono molte opportunità di crescita. Chandler spesso cammina davanti a me e stabilisce un passo più rapido per entrambi. Va particolarmente veloce quando ascolta la musica. Andiamo d’amore e d’accordo. Per noi è facile concederci spazio e parliamo molto. Una cosa sempre edificante e spontanea. Ok, quasi sempre.

Conserverò per sempre questo viaggio come un tesoro. Per noi questo è stato il giorno più lungo finora. Nei 25 giorni di cammino che ci rimangono ce ne saranno soltanto altri due in cui faremo più strada. Siamo pronti per la sfida!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore