Giustizia & Impunità

Migranti, l’ex prefetto di Padova al suo vice: “Ne abbiamo fatte di porcherie”

L'intercettazione tra Patrizia Impresa e Pasquale Aversa finita nell'inchiesta sulla gestione dell'accoglienza in Veneto. "Anche se andiamo a metterli da qualche parte dove non possiamo", dicono riferendosi agli ospiti dei centri d'accoglienza, L'ex prefetta: "Amareggiata. Si tratta di un malinteso". Salvini: "Responsabilità del Pd". Ma ha nominato Impresa prefetta di Bologna e Aversa (che è pure indagato) commissario del comune di Gioia Tauro, come ha specificato il Quirinale in una nota

“È vero che ne abbiamo fatte di porcherie, però quando le potevamo fare“. Utilizzava questo linguaggio l’ex prefetto di Padova, Patrizia Impresa, parlando con il suo vice, Pasquale Aversa. Il dialogo risale al 14 aprile del 2017 ed è stato intercettato dei carabinieri che indagavano sulla gestione dell’accoglienza dei migranti in Veneto da parte della cooperativa Edeco. L’intercettazione è finita nel rapporto conclusivo dell’inchiesta condotta dai militari ed è stata diffusa dal Mattino di Padova. All’epoca dell’intercettazione Impresa, secondo il curriculum pubblicato sul sito del Viminale, non era più al vertice della prefettura veneta ma lavorava al ministero dell’Interno come vice capo di gabinetto. Aversa era invece delegato ad occuparsi dell’accoglienza dei migranti a Padova.

Le intercettazioni: “Non dire ad Alfano che sono 900 migranti” –Anche se dobbiamo fare schifezze Pasquà… eh eh… no… schifezze… noi ci dobbiamo salvare Pasquà… perchè, ti ripeto, non possiamo farci cadere una croce che”, è il testo di un’altra intercettazione. “Anche se andiamo a metterli da qualche parte dove non possiamo, qualche cosa la dobbiamo pur fare”, dice l’ex prefetto nell’ottobre 2016 riferendosi in particolare al sovraffollamento del centro di Bagnoli. Che ospitava 900 persone ma Aversa avrebbe ridimensionato quel dato, in vista della visita alla struttura dell’ex ministro dell’interno Angelino Alfano. “Il dato di 900 persone di oggi non possiamo darglielo assolutamente”, è un’altra conversazione riportata nell’informativa dei carabinieri al pm Federica Baccaglini. Gli investigatori scrivono che Aversa sottolinea “di voler dire al ministro 850 persone. Aversa dice di sì che ci sta come dato e nemmeno il sindaco di Bagnoli Milan lo sa. Impresa dice al suo vice di ricordarsi che riferirà 850 persone”. I due sarebbero tornati sull’argomento il 27 novembre.  “A Bagnoli sono 912”, dice raccomandandosi nuovamente di riferire che il numero è inferiore.

Ex prefetta: “Amareggiata. È un malinteso” – “Sono amareggiata, sono state estrapolate e pubblicate frasi completamente decontestualizzate. Sono assolutamente certa della correttezza dei miei comportamenti. Quelle frasi fanno parte di un carteggio di centinaia di pagine ampiamente esaminato dall’autorità giudiziaria”, ha detto Impresa che non è indagata. “Probabilmente non è stato capito che proprio l’utilizzo anche di termini forti come la parola, per esempio, ‘schifezza‘, che viene riportata, era un termine forte ma, in un momento in cui lo stavo esprimendo, in una conversazione assolutamente avulsa da tematiche relative alla gestione dei migranti, era una critica. Una critica forse anche nei confronti di me stessa, ed è per questo che mi sono lasciata andare in termini forti. In me rimane la convinzione di aver comunque operato bene”, aggiunge Impresa che nel luglio scorso il Viminale ha promosso al vertice della prefettura di Bologna. Aversa è invece coinvolto nell’inchiesta: è sospettato di aver fornito informazioni riservate alla Edeco, la cooperativa al centro dell’inchiesta. Dopo essere stato rimosso dalla prefettura padovana è stato nominato commissario di Gioia Tauro, comune sciolto per infilitrazioni mafiose. Nomina dalla quale il Quirinale si è dissociato con una nota, scaricando praticamente la scelta sul ministro Matteo Salvini. 

Salvini: “Colpa del Pd”. Ma ha promosso funzionari – Anche per questo motivo appare fuori luogo il commento del titolare del Viminale dopo la diffusione dell’intercettazione. “Il governo di centrosinistra negava l’emergenza sbarchi, ma poi scaricava il problema sui prefetti e li costringeva a spostare i clandestini da un comune all’altro – come nel gioco delle tre carte – per non irritare sindaci del Pd, ministri in visita o presidenti Anci del Pd. È il quadro vergognoso che emerge dall’inchiesta di Padova. Io, invece, voglio bloccare gli sbarchi e mi prendo tutte le responsabilità delle mie scelte. Se qualche funzionario ha sbagliato è giusto che paghi. Ma chi sono i mandanti politici di tutto questo?”, dice il leader della Lega. Che secondo la nota del Colle avrebbe proposto di nominare a Gioia Tauro proprio uno dei quei funzionari accusati di aver “sbagliato” oltre ad aver promosso la prefetta che parlava di “porcherie” fatte nella gestione dei migranti.

L’inchiesta sul business dell’accoglienza – L’inchiesta della procura di Padova sull’accoglienza in Veneto riguarda soprattutto la cooperativa Ecofficina Educational, che ha poi cambiato il suo nome in Edeco. È una di quelle cooperative che – come ha ricostruito un’inchiesta del ilfattoquotidiano.it – hanno lucrato sull’accoglienza dei migranti grazie soprattutto alla vicinanza con il Nuovo Centrodestra, il partito dell’allora ministro dell’Interno Angelino Alfano. Dal 2011 a oggi ha visto crescere il proprio fatturato dai 114 mila euro a 10 milioni.  Soprannominata la “coop pigliatutto dell’accoglienza”, gestisce, tra gli altri, i Cpt di Bagnoli e Cona. Tra gli  indagati ci sono la funzionaria della Prefettura Tiziana Quintario, e i capi della Edeco, Simone Borile, Sara Felpatti e Gaetano Battocchio. Il primo è un ex consigliere provinciale del Pdl, che si è poi avvicinato al Ncd. Nel 2015, tra l’altro Confcooperative aveva già sospeso Ecofficina. Il motivo? “Fanno troppo business” ha spiegato Ugo Campagnaro, il presidente delle coop bianche.

Leggi tutti i commenti