Grecia

L'operazione che ha svelato gli affari degli affiliati al clan di camorra dei Nuvoletta in Spagna (LINK), ha portato a smantellare una rete di contrabbandieri che importava sigarette dalla Grecia e l'Italia. È la Direzione investigativa antimafia a segnalare come la penisola ellenica abbia un ruolo strategico nelle rotte battute dai narcotrafficanti e dai contrabbandieri per importare eroina, hashish e sigarette nell'Europa centrale.

Nel 2012 la polizia turca ha sequestrato un ingente quantitativo di eroina al confine con la Grecia. Da quell'indagine si è ricostruita l’esistenza di alleanze tra gruppi campani e narcotrafficanti turchi, ecuadoregni e olandesi. La droga – ricorda sempre la Dia - veniva importata sfruttando differenti rotte (Turchia, Spagna, Paesi Bassi, Venezuela), a bordo di autovetture, munite di doppiofondo, modificate da carrozzieri della provincia di Lecce.

Gli stupefacenti arrivati rifornivano spacciatori operanti a Roma, a Napoli, ma anche nell’agro pontino, tra Terracina e Fondi, grazie all’intermediazione del gruppo napoletano Leonardi. Gli investigatori dell'Europol segnalano come anche in Grecia si stia assistendo a una vera escalation della mafia albanese. Costituiti con una forma che è sempre più simile a quella della 'ndrangheta – cioè in gruppi che corrispondono di solito a nuclei familiari – stanno conquistando posizioni strategiche nel settore dello spaccio di stupefacenti. Gruppi isolati di albanesi gestiscono anche attività di broker del narcotraffico.

Mafie Unite d’Europa

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×