[mie_header]
[parallax_image image_desktop=/wp-content/uploads/2017/07/denmark-1.jpg image_mobile=/wp-content/uploads/2017/07/denmark-1.jpg]
[sharer]

Danimarca

  • ‘Ndrangheta: infiltrazione nell’economia lecita

E’ uno dei due Paesi dell’Unione europea, insieme alla Svezia, che non prevede il reato di associazione criminale. Come il Regno Unito, inoltre, non ha aderito alla direttiva Ue 2014/42 sul congelamento e la confisca dei beni e dei proventi di reato. Il Paese è anche un terminale del traffico di migranti e uno dei principali mercati di sbocco per la marijuana prodotta illegalmente nei Paesi Bassi. Nel 2016 il sindacato 3F ha denunciato per la prima volta la presenza di azienda “collegate alla mafia” nei cantieri di Copenaghen, per la costruzione della nuova metropolitana e ad Aarhus – la seconda città del Paese, dove si lavora a nuove linee ferroviarie. Le aziende chiamate in causa vedono fra gli amministratori esponenti della famiglia Nicoscia, uno dei clan di ‘ndrangheta che dominano Isola di capo Rizzuto, in provincia di Crotone, con proiezioni anche nel Nord Italia. La denuncia è stata ripresa dalla testata Weekenddavisen.


[mie_map map=/wp-content/themes/ifq-2017/longform/mafie-in-europa/map.js]

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore