[mie_header]
[parallax_image image_desktop=/wp-content/uploads/2017/07/greatbritain-1.jpg image_mobile=/wp-content/uploads/2017/07/greatbritain-1.jpg]
[sharer]

Regno Unito

  • Camorra: riciclaggio
  • Sacra corona unita: gioco illegale, riciclaggio
  • Ndrangheta: riciclaggio
  • Criminalità albanese: traffico di stupefacenti

È il riciclaggio l’attività delle mafie maggiormente rilevata nel Regno Unito. Il rapporto del primo semestre 2016 della Direzione investigativa antimafia racconta come la procura di Napoli abbia arrestato nei primi mesi dello stesso anno un broker genovese vicino ad ambienti camorristici, accusato di aver reimpiegato denaro proveniente dal traffico internazionale di stupefacenti nel circuito economico del Paese, ma anche a Dubai. Investimenti realizzati, secondo l’accusa, per conto di personaggi collegati ai clan napoletani Amato-Pagano Imperiale-Cerrone.

In generale, il rapporto del centro di ricerca Transcrime segnala che la camorra investe nel settore delle costruzioni, dei bar e dei ristoranti. Attiva anche la Sacra corona unita che gestisce casinò e scommesse clandestine su eventi sportivi. L’attività della ‘ndrangheta, invece, emerge dall’operazione della procura di Reggio Calabria del marzo del 2015 che ha portato all’arresto di esponenti delle cosche Morabito e Aquino. Secondo gli investigatori italiani, Henry James Fitzsimons, un soggetto considerato dagli inquirenti britannici vicino all’Ira, aveva aperto un “canale” con le organizzazioni criminali calabresi per reimpiegare le ingenti somme di denaro in suo possesso. Secondo la magistratura, l’esponente dell’Ira era l’uomo utilizzato dall’organizzazione irlandese per le operazioni di riciclaggio. Gli investigatori di Europol intervistati per questo progetto, inoltre, segnalano l’ascesa dei clan albanesi, costituiti in forma sempre più simile alla ‘ndrangheta – cioè a gruppi che corrispondono di solito a nuclei familiari – stanno conquistando posizioni strategiche nel settore del traffico di stupefacenti. Insieme alla Danimarca, il Regno Unito non ha aderito alla direttiva Ue 2014/42 sul congelamento e la confisca dei beni e dei proventi da reato.

(foto credits: Cecilia Anesi)

IL FOCUS – Pizza, friarielli e pounds: la ricetta per il riciclaggio a Londra


[mie_map map=/wp-content/themes/ifq-2017/longform/mafie-in-europa/map.js]

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore