[mie_header]
[parallax_image image_desktop=/wp-content/uploads/2017/07/lithuania-1.jpg image_mobile=/wp-content/uploads/2017/07/lithuania-1.jpg]
[sharer]

Lituania

  • Gruppi locali e di russofoni: contrabbando di sigarette, alcol, gas, petrolio

Negli anni Novanta la Vilnius Brigade era il gruppo criminale più conosciuto: le sue attività consistevano principalmente in traffico di droga ed estorsioni. Il suo capo, Boris Dekanidze, è stato giustiziato per la morte del giornalista lituano Vitas Lingys, assassinato nel 1995. Gruppi criminali lituani, specializzati soprattutto in crimini contro la proprietà, sono registrati nei rapporti della Polizia criminale tedesca (Bka) e britannica (Nca). Quella dei Paesi Baltici è un’area in cui si è registrata un’espansione del mercato della cocaina, documentata dal boom di sequestri, specie in arrivo via mare, registrata nel 2010, come si legge nella relazione 2015 della Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo italiana.


[mie_map map=/wp-content/themes/ifq-2017/longform/mafie-in-europa/map.js]

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore