[mie_header]
[parallax_image image_desktop=/wp-content/uploads/2017/07/estonia-1.jpg image_mobile=/wp-content/uploads/2017/07/estonia-1.jpg]
[sharer]

Estonia

  • Obtshak (“fondo comune”): droga, prostituzione


La mafia tradizionale del Paese baltico è la Obtshack (“fondo comune”), un “ombrello” di diversi gruppi, con attività che vanno dal traffico di droga alla prostituzione al traffico di auto rubate. Le attività di alcuni di questi si estendono alla Finlandia. Il capo riconosciuto Nikolai Tarankov, con un passato nel Kgb sovietico, è stato assassinato nel 2015, a 63 anni, dopo 25 anni di leadership e di polemiche sull’incapacità delle autorità locali di incastrarlo. Per l’omicidio, il tribunale di Parnu ha condannato nel 2017 a nove anni e mezzo di reclusione Juri Vorobei. Tarankov, ha spiegato il killer, voleva ucciderlo, e lui ha deciso di anticiparlo. Difficile capire gli sviluppi in assenza di un leader rimasto in sella per circa 15 anni: “Il crimine organizzato in Estonia è abituato a operare in un sistema, seguendo regole specifiche”, ha spiegato il capo della Polizia criminale centrale Krista Aas in un’intervista a Postimees il 5 gennaio 2017. “Dato che il sistema è scomparso, ora regna una certa confusione”.


[mie_map map=/wp-content/themes/ifq-2017/longform/mafie-in-europa/map.js]

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore