[mie_header]
[parallax_image image_desktop=/wp-content/uploads/2017/07/greece-1.jpg image_mobile=/wp-content/uploads/2017/07/greece-1.jpg]
[sharer]

Grecia

  • Mafia turca: traffico di stupefacenti
  • Camorra: traffico di sigarette e di stupefacenti
  • Albanesi: traffico di stupefacenti

L’operazione che ha svelato gli affari degli affiliati al clan di camorra dei Nuvoletta in Spagna (LINK), ha portato a smantellare una rete di contrabbandieri che importava sigarette dalla Grecia e l’Italia. È la Direzione investigativa antimafia a segnalare come la penisola ellenica abbia un ruolo strategico nelle rotte battute dai narcotrafficanti e dai contrabbandieri per importare eroina, hashish e sigarette nell’Europa centrale.

Nel 2012 la polizia turca ha sequestrato un ingente quantitativo di eroina al confine con la Grecia. Da quell’indagine si è ricostruita l’esistenza di alleanze tra gruppi campani e narcotrafficanti turchi, ecuadoregni e olandesi. La droga – ricorda sempre la Dia – veniva importata sfruttando differenti rotte (Turchia, Spagna, Paesi Bassi, Venezuela), a bordo di autovetture, munite di doppiofondo, modificate da carrozzieri della provincia di Lecce.

Gli stupefacenti arrivati rifornivano spacciatori operanti a Roma, a Napoli, ma anche nell’agro pontino, tra Terracina e Fondi, grazie all’intermediazione del gruppo napoletano Leonardi. Gli investigatori dell’Europol segnalano come anche in Grecia si stia assistendo a una vera escalation della mafia albanese. Costituiti con una forma che è sempre più simile a quella della ‘ndrangheta – cioè in gruppi che corrispondono di solito a nuclei familiari – stanno conquistando posizioni strategiche nel settore dello spaccio di stupefacenti. Gruppi isolati di albanesi gestiscono anche attività di broker del narcotraffico.


[mie_map map=/wp-content/themes/ifq-2017/longform/mafie-in-europa/map.js]

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore