Finlandia

Le principali organizzazioni criminali note sono le bande di motociclisti, con una veste legale di club con tanto di distintivi e tatuaggi, spesso collegate a reti internazionali e impegnate anche in attività nell'economia lecita. Le principali, scrivono i ricercatori Sarianna Petrell e Jarmo Houtsonen nello studio Organised Crime in European Business (2016, a cura di Ernesto Savona, Michele Riccardi, Giulia Berlusconi) sono gli Hells Angels e i Bandidos, presenti dagli anni Novanta.

Il numero di gang è in crescita, dalle otto censite nel 2000 alle 80 attualmente registrate dal National Bureau of Investigation, per un totale di circa mille membri. Anche se i crimini più comunemente commessi sono “di strada”, i gruppi sono attivi anche nel traffico di droga e armi, nell'evasione fiscale, nel lavoro nero e nel riciclaggio. Ma sempre di più, nota l'Nbi sul sito del ministero dell'Interno, “la criminalità organizzata si fa internazionale e collabora con gruppi basati in Russia e soprattutto nei Paesi baltici”.

Sul fronte del reimpiego nell'economia lecita dal 2005 a metà del 2013 le autorità locali hanno confiscato 302 beni per crimine organizzato, molte delle quali moto Harley Davidson, strumento di “lavoro” delle gang. I settori più infiltrati, si legge ancora nello studio, risultano essere “quello delle pulizie, l'edilizia, bar e ristoranti, riparazioni e vendita di auto, tatuaggi, sexy shop e sicurezza privata”. La Finlandia non contempla una norma che punisca l'organizzazione criminale, sottolinea ancora la Nbi, ma prevede un'aggravante per i reati commessi dai singoli nell'ambito di un gruppo organizzato.

Mafie Unite d’Europa

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×