Mo basta pè carità. Dinnanzi a quel che sta combinando la Disney, torna buono il compianto Pino Daniele: non se ne può più di leoni parlanti, libri della giungla senzienti, cani in lip sync, tutti più veri del vero ossia più falsi del falso. La Casa di Topolino sta facendo cassa con le versioni live-action […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il mistero di Marinelli, fuoriclasse mai sentito

prev
Articolo Successivo

Bulgakov e il “mio” ucraino: “Chi lo capisce?”

next