Apre il mio passaporto, mi guarda. Poi lo riapre, cerca i timbri, mi guarda. Continua a sfogliarlo. Il ragazzo alla frontiera, all’areoporto di Kiev, non sorride. Lo sguardo è indecifrabile e pure un po’ triste. “Che ho fatto di male?”, mi chiedo. E poi: “Chi me l’ha fatto fare di venire qui in vacanza?”. Non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Un remake da cani: non se ne può più dei live-action Disney

prev
Articolo Successivo

Giacarta, come Atlantide, sta affondando velocemente. Ma nessuno si chiede perché

next