La guerra dichiarata dal governo gialloverde alla Banca d’Italia si conclude con un armistizio italian style. Per salvare il suo pupillo Luigi Signorini – provvisoriamente azzoppato da Luigi Di Maio sulla strada di un nuovo mandato nel direttorio di Bankitalia – il governatore Ignazio Visco ha sacrificato il direttore generale Salvatore Rossi, offrendo la sua […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Attaccare o dialogare: il dilemma dei governi su Amazon e Google

prev
Articolo Successivo

Così l’austerity ha massacrato Comuni e Regioni

next