Mia moglie viveva il silenzio come una minaccia fisica, quasi che lasciare scivolare anche soli pochi istanti di vuoto sonoro si rivelasse fatale per la sua stessa sopravvivenza. Passava al telefono intere mezzore per baloccarsi con il riverbero della sua stessa voce. Ogni movimento domestico era sempre brusco e avventato, capace di produrre un fracasso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Tatuaggi senza legge: l’Ue condanna gli inchiostri

prev
Articolo Successivo

Uno, due o tre figli e imprecisati mariti: Tarocchi da roulette

next