Le notizie sono due: la prima è che l’Agenzia europea per le sostanze chimiche ha stilato un catalogo di almeno 4mila principi alla base degli inchiostri per i tatuaggi che potrebbero essere dannosi per l’uomo. La seconda è che questo dato ha reso evidente che non esiste una normativa di riferimento per questi prodotti né […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Assad e i suoi padrini: la Siria dopo la guerra ha un padrone solo

prev
Articolo Successivo

Mia moglie in crisi mistica va alla messa (in scena)

next