All’indomani della sentenza del Consiglio di Stato, che ha assicurato continuità produttiva all’area a caldo dello stabilimento siderurgico di Taranto, gli animi sono infuocati. “Lo Stato condanna, produce, inquina, assolve, uccide”, denuncia il Comitato dei cittadini e lavoratori liberi e pensanti. Alla base di tale condotta ci sarebbero “le colpe di una politica locale incapace […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Petrolchimico di Brindisi, il Consiglio di Stato stabilisce che “chi inquina paga”

prev
Articolo Successivo

Csm, sfida all’ultimo voto per la Corte d’Appello di Milano: vince Giuseppe Ondei

next