Non basta la fama criminale di un singolo per contestare il reato di associazione mafiosa a un gruppo di persone. È quanto pochi giorni fa ha confermato la Corte di Cassazione rigettando il ricorso della Direzione distrettuale Antimafia di Lecce a proposito della presunta natura mafiosa di un gruppo criminale che operava a Taranto. Il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il “sexy lavaggio dei trattori bifolchi”: la festa “gutturale” che imbarazza il sindaco di Ferrara

prev
Articolo Successivo

Le toghe di Autonomia e Indipendenza a Cartabia: rotazione degli aggiunti per evitare il correntismo

next