Il boss Giovanni Brusca? “Mi distaccarono volutamente, dico volutamente, alla sua cattura: forse pensavano che io preso dall’ira mi sarei tolto un sassolino dalla scarpa, e cioè gli sparassi. Forse qualcuno voleva questo, forse non si doveva catturare vivo”, dice Luciano Traina, ispettore in pensione della Polizia, fratello di Claudio, agente della scorta di Borsellino […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Claudio Fava: “Togliere i beni alla mafia significa togliere consenso ai criminali”

prev
Articolo Successivo

Cittadini in strada e Occidente alla finestra, ma Putin non arretra su Navalny

next