“Frustrazione e turbamento”. Sono gli stati d’animo della società siciliana, uscita per l’ennesima volta sconfitta, dalla lotta al malaffare e alla malagiustizia. È uno dei passaggi con cui i giudici del Tribunale di Caltanissetta hanno motivato la condanna in primo grado (8 anni e 6 mesi) all’ex magistrata Silvana Saguto, per la “grave distorsione delle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Quattro vittime in tre giorni: la conta dei femminicidi viaggia a ritmi spaventosi

prev
Articolo Successivo

Parola di poliziotto: “Mi distaccarono volutamente alla cattura di Giovanni Brusca”

next