“Era il pomeriggio di giovedì 17 dicembre, stavo aspettando la comunicazione per decidere che fare con i regali di Natale. Inutile dire che ho dovuto ridimensionare le idee iniziali”: Sara, nome di fantasia, lavora nei musei di Firenze per Ales spa, una società strumentale del MiBACT, partecipata al 100% dal ministero stesso. Si occupava di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il culto della grande opera che il Recovery non scalfisce

prev
Articolo Successivo

Da gennaio stop a quelli in rosso: stipendi a rischio

next